Cinema David
33028 - Tolmezzo - Udine
Torna all'elenco

L'ora più buia



Political drama firmato Joe Wright, L'Ora più buia è ambientato all'inizio della Seconda guerra mondiale. L'ora più buia cui fa riferimento il titolo è il momento cruciale della scelta, da parte del Primo ministro britannico Winston Churchill (Gary Oldman), tra l'armistizio con la Germania nazista e l'intervento nel conflitto armato. Di fronte all'avanzata dell'esercito tedesco e all'imminente invasione della Gran Bretagna, Churchill è chiamato a decidere tra la tutela del Paese in nome di una pace apparente e temporanea e la difesa dei propri ideali di autonomia e libertà. Accanto a lui, indaffarate nel dietro le quinte della storia, la moglie Clementine (Kristin Scott Thomas) e la segretaria personale Elizabeth Nel (Lily James). Nel cast anche Ben Mendelsohn nei panni dell'amato sovrano Re Giorgio VI, e Ronald Pickup in veste di Primo ministro uscente, Neville Chamberlain.

Regista

Joe Wright

Attori

Gary Oldman, Kristin Scott Thomas, Lily James, Stephen Dillane, Ronald Pickup, Ben Mendelsohn, Nicholas Jones, Richard Lumsden, Brian Pettifer, Samuel West, David Schofield, Malcolm Storry, Hilton McRae, Benjamin Whitrow

Durata

125 Minuti

Recensioni


Non tutti i film di guerra sono pacifisti, e L'ora più buia di Joe Wright di certo non lo è, così come il suo protagonista assoluto, quel Winston Churchill che salvò l'Europa dalla svastica, né più né meno, in anni fatali in cui il pacifismo era un lusso irresponsabile nei confronti degli ideali mostruosi hitleriani. Non parliamo di un guerrafondaio, ma di chi si rese conto, una volta nominato primo ministro nel maggio 1940, che era impossibile cedere alla retorica della pace ad ogni costo, che aveva già fatto danni nel 1938 con l'accordo farsa di Monaco. Joe Wright mette in scena un elogio della retorica, decisiva arte utilizzata dai leader politici per indirizzare e convincere il proprio elettorato, e il Parlamento.

Se in Anna Karenina aveva ambientato il classico russo in un teatro, aprendone poi letteralmente la messa in scena da ogni lato, questa volta Joe Wright si rinchiude nei corridoi angusti dei rifugi di guerra, nello studio del primo ministro, oppure nei vagoni della metropolitana, in una memorabile scena in cui Churchill sonda il proprio elettorato, facendo una prova generale del suo storico discorso a Westminster, affidandosi direttamente allo stesso elettorato che avrebbe poi pagato il prezzo più alto della resistenza a Hitler. Un momento di svolta nella popolarità del neo primo ministro, in grado di superare lo scetticismo del re e lo pseudo pacifismo folle di molti politici del suo stesso partito conservatore, proprio con le sue capacità oratorie - lui che aveva tutt'altro che una dizione perfetta - esercitate direttamente nelle case dei britannici attraverso il nuovo prodigio, la radio di massa.

Per cui, in questo e solo in questo senso, L'ora più buia può essere considerato un film retorico, con i suoi lunghi dialoghi taglienti e la sua attenzione maniacale al tono, al volume e alla durata stessa delle frasi pronunciate, nonché alle scenografie e agli ambienti, che lo rendono decisamente più che una vuota scatola al servizio della (mostruosa) performance camaleontica di un attore, Gary Oldman, in cerca di Oscar. 

La quiete prima della tempesta e i bombardamenti, quando la Gran Bretagna dovette prendere atto della fine della sua insularità come forma di protezione, raccontata nel fronte interno, mentre sul campo, nel terreno di battaglia, centinaia di migliaia di soldati, anche francesi, venivano accerchiati sulle spiagge di Dunkerque. Un'altra storia, seppur cruciale per le dinamiche politiche interne, diversamente ma magnificamente raccontata da Nolan, oltre che con una sequenza mirabile dallo stesso Wright, in Espiazione.
Se a colpire è naturalmente l'interpretazione del protagonista, il film non sarebbe altrettanto efficace senza il contributo delle due donne della sua intimità, la moglie quasi silente ma cruciale, Kristin Scott Thomas, e l’entusiasta novellina, la segretaria Lily James, così come del "reale" Ben Mendelsohn, di Ronald Pickup, Stephen Dillane e tutto il resto dell’eccellente cast.

Winston Churchill è da tempo, a distanza di settant'anni, un'icona: instancabile generatore di aforismi, pieno di ironia, con la sua sagoma corpulenta, il cappello in testa e un inconfondibile sigaro pronto ad accendersi, come nella bella scena iniziale del film, in cui nel buio più assoluto si accende una fiamma, un sigaro che rimarrà fumante come una torcia di ostinata speranza per tutta la durata della guerra, salvo spegnersi esausta poco dopo la fine delle ostilità, quando una "cortina di ferro" calò "sull'Europa". Parole proprio dell’uomo con il sigaro, che cambiò le sorti della Seconda guerra mondiale, e la storia dell’intero continente.

www.comingsoon.it


Trailer



Orari degli spettacoli


Venerdì 16 Febbraio 2018 Ore 20:30
Sabato 17 Febbraio 2018 Ore 20:30
Domenica 18 Febbraio 2018 Ore 20:30