Cinema David
33028 - Tolmezzo - Udine
Torna all'elenco

Mommy


Cineforum



Un'esuberante giovane mamma vedova, si vede costretta a prendere in custodia a tempo pieno suo figlio, un turbolento quindicenne affetto dalla sindrome da deficit di attenzione. Mentre i due cercano di far quadrare i conti, affrontandosi e discutendo, Kyla, l'originale, nuova ragazza del quartiere, offre loro il suo aiuto. Insieme, troveranno un nuovo equilibrio, e tornerà la speranza.​

Mommy

Regista

Xavier Dolan

Attori

Anne Dorval, Antoine-Olivier Pilon, Suzanne Clément

Durata

140 Minuti

Recensioni


Di talento, Xavier Dolan ne ha da vendere, e lo sa. 
E, a 25 anni, compiuti da poco, si può capire che questo talento abbia voglia di esibirlo, non senza un certo compiacimento. 
Perché ci vuole un certo compiacimento nella scelta di giocare con i formati come fa in Mommy, di utilizzare trucchetti e artifici di grande effetto ma un po' furbetti, di stiracchiare fino a due ore e un quarto di durata una storia che poteva essere raccontata con almeno venti minuti in meno. 
Mommy, allora, è un brutto film, un film noioso?
No, ma è un film in parte sbagliato, che avrebbe potuto essere molto di più se Dolan avesse imbrigliato maggiormente il suo istrionismo e soprattutto se avesse scartato narrativamente e tematicamente rispetto alle cose che va raccontando fin dal suo esordio. Non solo, ovviamente, il rapporto appassionato e conflittuale con la madre, qui centrale come lo era in J'ai tué ma mère, ma la natura assoluta, ambigua e distruttiva dell'amore e del desiderio, le sue contraddizioni, le luci infuocate e le ombre fosche e cupe. 
In Mommy, Dolan si racconta nei panni del figlio problematico e borderline di una donna sola e spiantata che cerca disperatamente di tenerlo con sé e di non cedere a chi gli suggerisce un ricovero coatto; nei panni di un adolescente irrefrenabile e vulcanico (come irrefrenabile e vulcanico è il regista stesso nel suo modo di far cinema), che vede raddoppiarsi la figura materna con l'entrata in scena di una vicina di casa la quale, a sua volta, proietta su di lui le sue dinamiche di desiderio materno e i suoi lutti. 
Nulla da ridire, ma in Mommy si cerca e si attende sempre che Dolan scarti, che batta nuove strade, o che sia in grado di offrire un angolo d'approccio diverso sulle sue ossessioni. E questo non avviene mai, perché Dolan è tutto concentrato sulla forma del suo film, sulla scelta di girare in un formato 1:1 che rispecchia gli orizzonti confinati e ristretti dei suoi protagonisti, pronto a cambiare quando l'illusione di un futuro migliore si fa avanti, su una fotografia calda e avvolgente, su un iperdinamismo della macchina da presa che non arriva mai ai livelli di quello fisico e verbale dei suoi attori. 
Come quello del cinema tutto di Dolan, il cui maggior talento è quello di esprimere un'energia vitale, nervosa ma sempre propulsiva come pochissimi altri al mondo. Ed è grazie a questa carica elettrica e innegabile che, in parte o del tutto, si perdonano a Mommy il narcisismo, gli eccessi di urla e nevrosi, una prospettiva in qualche modo limitata che fatica ad evolversi. 
Perché, giochetti col formato a parte, forse solo Xavier Dolan può permettersi di usare in colonna sonora "Wonderwall" degli Oasis, peraltro in versione integrale, senza risultare mai né stucchevole né retorico.

www.comingsoon.it


Trailer



Orari degli spettacoli


Martedì 7 Marzo 2017 Ore 20:30