Cinema David
33028 - Tolmezzo - Udine
Torna all'elenco

Sono tornato


Cineforum



Sulla scorta del divertente Lui è tornato, film tedesco che immagina Hitler a spasso per la Berlino dei giorni nostri, l'italiano Sono tornato, diretto da Luca Miniero, vede uno smarrito Benito Mussolini riapparire in piazza Vittorio, nella Roma dei giorni nostri, con la divisa sporca e il volto tumefatto. La guerra è finita, la sua Claretta non c'è più e tutto sembra cambiato. All'apparenza. Il duce non apprezza lo scenario multiculturale della piazza gremita, né comprende l'attaccamento morboso all'arnese "telefonino". Assorbiti dagli schermi e persuasi che si tratti dell'ennesima attrazione per turisti, i passanti continuano a ignorarlo finché, Andrea Canaletti, un giovane documentarista con grandi aspirazioni ma pochi, pochissimi successi, guidato da necessità e fiuto di giornalista, credendolo un attore comico, non gli propone di diventare protagonista di un documentario. Per l'affabulatore Mussolini è l'occasione di riconquistare le masse. Tra i due comincia così una surreale convivenza: in giro per l'Italia, tra ospitate in tv e incontri con gli italiani dei giorni nostri, porta Mussolini a farsi conoscere e riconoscere sempre di più, fino a diventare addirittura protagonista di un show televisivo. Il Duce si convincerà di poter riconquistare il paese. Un divertente esperimento storico in forma di comedy: i tempi sono cambiati, il "popolo" italiano non tanto.

Regista

Luca Miniero

Attori

Massimo Popolizio, Frank Matano, Stefania Rocca, Gioele Dix, Eleonora Belcamino, Ariella Reggio, Massimo De Lorenzo, Giancarlo Ratti, Guglielmo Favilla, Luca Avagliano, Daniela Airoldi

Durata

100 Minuti

Recensioni


In una scena di Sono tornato, Il Duce secondo Massimo Popolizio entra nella scalcagnata sede di un circolo neofascista e dichiara solennemente: "Il problema di questo paese è la memoria".
Memoria… ecco la parola magica che serve da chiave di lettura del nuovo film di Luca Miniero, una commedia in cui la risata diventa prima sorriso e poi ghigno satanico e poi ancora smorfia di disgusto, e che arriva in sala nel bel mezzo di un'aspra campagna elettorale a tirarci per le orecchie, a spedirci dietro alla lavagna rimproverandoci che la lezione, se mai l’abbiamo imparata, abbiamo fatto troppo in fretta a scordarcela, e che l’entrata in guerra, le leggi razziali, le libertà di stampa e di opinione cancellate e calpestate, la marcia su Roma e il delitto Matteotti sono orrori che, invece di precipitare nell’oblio, dovrebbero essere ricordati proprio come quell'Olocausto che ogni 27 gennaio rammentiamo.

La nostra memoria, sembra dirci il remake del film tedesco Lui è tornato, se non è stata indebolita dal ricordo dei treni che arrivavano in orario e delle paludi pontine bonificate, certamente non è stata "risvegliata" dal tremendo e cupo senso di colpa che ha tormentato la Germania post-bellica, e, anche se c'è tanto altro nella nuova regia dell’autore di Benvenuti al Sud, un j'accuse rivolto all'italica attitudine alla rimozione è più che evidente nella cronaca del ritorno nel regno dei vivi di Benito Mussolini. Inoltre, è la ragione principale per cui tra il film italiano e quello tedesco con Hitler protagonista la differenza di tono è sostanziale.

La scelta è consapevole, legittima e sicuramente giusta, ma il progressivo distacco dalla farsa e dalla retorica di discorsi e gesti che oggi appaiono ridicoli (complici Il grande dittatore e Fascisti su Marte), priva il remake nostrano di quella dialettica, o meglio di quella vivace confusione fra realtà e finzione che rendeva stravagante, quasi catartico e verosimile l'originale germanico. Spieghiamo meglio. Quell'Adolf Hitler là, che di lividamente demoniaco aveva ben poco, diceva cose talmente assurde (fra attimi di lucidità) da indurre i personaggi del film a crederlo un attore incapace di uscire dal ruolo e le persone reali incontrate nelle sequenze documentaristiche a considerarlo un matto da prendere in giro ma anche a cui confidare la propria intolleranza. Il nostro Dux, che pure riappare in una nuvola di fumo come in uno spettacolo amatoriale di magia, è invece terribile e sottilmente luciferino invece che gigione, e così intelligente da adeguarsi subito ai cambiamenti, cavalcando per esempio la capacità di persuasione dei media. Il personaggio dunque ci inquieta perché ha capito tutto, e perché ha compreso che l'altra parola chiave, non tanto per ben interpretare il film, quanto per farsi un'idea dell'Italia di oggi, è populismo.

Ecco, è in particolare di populismo che Sono Tornato parla, tirando in ballo Renzi, Grillo, Berlusconi e perfino Alemanno, e sottolineando la facilità con cui molti di noi si lasciano strumentalizzare. E criticando l'antipolitica, che ormai ha sostituito la politica. Nel denunciare una simile desolante situazione, Minierorisponde solo in parte alla domanda che si pone a inizio film, e cioè: cosa accadrebbe se Benito Mussolini tornasse?, e questo perché sacrifica troppo la parte del viaggio dei due protagonisti attraverso L'Italia e ascolta eccessivamente il Duce e poco la gente comune, salvo immortalarla verso il finale mentre fa il saluto romano, lasciandoci fra il disgustato e lo stupefatto. La sua macchina da presa, insomma, forse si incanta troppo ad ammirare un attore in stato di grazia, che però non riesce sempre a reggere sulle proprie spalle il peso di una narrazione che non sfrutta a sufficienza l'alternanza di linguaggi e che non ha un secondo personaggio principale forte quanto il primo, nonostante la notevole performance di Frank Matano.

E’ un bene che Sono tornato esca in tempi di democrazia a rischio, a ricordarci innanzitutto che ciò di cui abbiamo bisogno non è un padre-padrone che risolva a botte di autoritarismo problemi che potrebbero essere affrontati con lungimiranza e decisione. Troppe volte auspichiamo un intervento radicale da parte di un deus ex machina senza avvertire il bisogno di compierlo prima dentro noi stessi il cambiamento, dice Luca Miniero, e in questo ha ragione, così come ha ragione a sperare che il suo film arrivi anche ai ragazzi, che della guerra poco hanno sentito parlare dai genitori e dai nonni, leggendone magari qualcosa su libri o vedendola e facendola nei videogiochi.

www.comingsoon.it


Trailer



Orari degli spettacoli


Giovedì 4 Ottobre 2018 Ore 20:30