Cinema David
33028 - Tolmezzo - Udine
Torna all'elenco

The greatest showman


Numeri poderosi e coreografie sgargianti si mescolano nello spettacolo ottocentesco che prende il nome di The Greatest Showman, il biopic musicale con Hugh Jackman nei panni dell'abile intrattenitore di folle P.T. Barnum. L'astuto impresario circense, entrato in affari col giovane Phillip, ha per le mani il rivoluzionario progetto di un enorme circo a tre piste, con quattro palcoscenici e ventimila posti a sedere. Gli ambiziosi uomini d'affari si lanciano con entusiasmo nella realizzazione del sontuoso spettacolo, che porta in scena nuove acrobazie e fenomeni da baraccone mai visti prima, finché entrambi non si infatuano di due giovani stelle del palcoscenico.
Phillip si perde tra i volteggi e le giravolte della sensuale trapezista Anne, mentre Barnum viene stregato dal dolce canto dell'artista Jenny Lind, la timida soprano nota al pubblico come "usignolo svedese", per la voce cristallina che arriva dritta al cuore.

Regista

Michael Gracey

Attori

Hugh Jackman, Rebecca Ferguson, Zendaya, Zac Efron, Michelle Williams, Yahya Abdul-Mateen II, Paul Sparks, Diahann Carroll, Fredric Lehne, Tina Benko, Doris McCarthy

Durata

105 Minuti

Recensioni


A scegliere come regista l'esordiente Michael Gracey, è stato Hugh Jackman, che si è cucito sartorialmente addosso un film suo più che di chiunque altro, un film nato per dare libero sfogo alla sua voglia di mettere da parte le coreografie di lotta di Wolverine, e cantare e danzare in maniera più libera e gioiosa.
Gracey ha detto che non voleva lui, e non voleva Jackman, fare un "juke box musical" alla Moulin Rouge!: e però qualcosa del film di Baz Luhrmann, in The Greatest Showman, c'è. Vuoi per i costumi, vuoi per l'energia, vuoi perché si tratta di due periodi storici tutto sommato vicini, vuoi perché in almeno alcuni dei numeri musicali di questo si respira un po' di quell'aria trasgressiva e sensorialmente aggressiva.
Certo, The Greatest Showman non è Moulin Rouge, Gracey non è Luhrmann (perlomeno non quel Luhrmann lì), ma la voglia di raccontare attraverso immagini, musica e ballo qualcosa di grande e di spettacolare, di larger than life, di dare voce a chi canta - e razzola - fuori dal coro, è quella lì. E Keala Settle, interprete della donna barbuta, ha la presenza scenica e vocale giusta per metterla in scena: in numeri come "This is Me", certo, ma non solo.

C'è l'amore, e c'è l'arte, in The Greatest Showman. Che poi oddio, l'arte: c'è lo show businnes, quella cosa che, in uno dei dialoghi che non son certo il punto forte del film, il Barnum di Jackman dice di "aver appena inventato."
C'è, appunto, un personaggio che sogna e che fa, che deve mettere d'accordo il lavoro con la famiglia, l'ambizione con l'amore, la scalata sociale con i valori "veri" della vita, quelli da Amaro Montenegro.
Un personaggio che non esita di fronte a nulla (o quasi), che per arrivare al successo sfrutta diversità e deformità ottenendo così anche il risultato (nel film, e solo lì) di dare nuova dignità a tutti quelli che un tempo venivano chiamati freaks, e che sono chiaramente metafora di tutte le diversità possibili e immaginabili oggi: da quelle razziali a quelle sessuali e di genere raccolte sotto l'acronimo LGBT, passando per ogni forma di handicap.
In Barnum, in qualche modo, si sintetizzano quindi ansie e contraddizioni che ci appaiono molto vicine, che parlano a molte persone che vivono un mondo magari più complesso ma tutto sommato analogo alla New York di metà Ottocento. Contraddizioni che magari rimangono irrisolte, o che si sciolgono con semplicità un po' ingenua perfino per un musical.

Poi certo, temi come quelli della tolleranza e dell'accettazione fa sempre bene tirarli in ballo, e pure gli altri non guastano, ma è nella sua componente spettacolare che The Greatest Showman trova le sue ragioni e la sua identità. Magari anche contraddittorie, proprio come è per il personaggio che racconta.
Perché all'anima irriverente figlia, appunto, di Moulin Rouge e della sua rivoluzione, The Greatest Showman affianca anche influenze più tradizionali: ed è lì che la mano di Gracey, che viene dalla pubblicità, e che è quindi ancora primariamente un formalista, incontra limiti e rigidità.
Lì, e quando vuole giocare con il lato intimo e interiore dei personaggi, con numeri melensi e deludenti come quelli che vedono protagonisti Jackson e Michelle Williams (clamoroso il miscasting dell'attrice americana nei panni della moglie di Barnum, mentre perfetta, e seduttiva, è Rebecca Ferguson nel ruolo di Jenny Lind) o Zac Efron, sempre troppo bambolotto, e la più dinamica Zendaya.

www.comingsoon.it


Trailer



Orari degli spettacoli


Venerdì 12 Gennaio 2018 Ore 20:30
Sabato 13 Gennaio 2018 Ore 20:30
Domenica 14 Gennaio 2018 Ore 20:30