Cinema David
33028 - Tolmezzo - Udine
Torna all'elenco

Trainspotting 2


Cineforum



A vent'anni esatti dalla sua rocambolesca fuga dalla Scozia con sedicimila sterline nella borsa, Mark Renton si ripresenta a Edinburgo e al cospetto dei vecchi amici, Simon "Sick Boy" e Daniel "Spud". Anche "Franco" Begbie, intanto, è evaso di prigione e non vede l'ora di ammazzarlo a mani nude. Renton li ha traditi, si è rifatto una vita, fuori dalla droga e dentro un progetto borghese, ma quella vita si è già sgretolata, mentre l'amicizia dei compagni "di siringa" dimostra, nonostante tutto, di aver tenuto bene. Molto è cambiato e molto è rimasto lo stesso. Il dolore, la perdita, la gioia, la vendetta, l'odio, l'amicizia, l'amore, il desiderio, la paura, il rimpianto, l'eroina, l'autodistruzione e la minaccia di morte, sono tutti in fila per dargli il benvenuto, pronti ad unirsi ai giochi.

Trainspotting 2

Regista

Danny Boyle

Attori

Ewan McGregor, Jonny Lee Miller, Robert Carlyle, Ewen Bremner

Durata

114 Minuti

Recensioni


Porno è il titolo del sequel letterario, ambientato nove anni più tardi, e ha molto poco a che vedere con il film che va in un’altra direzione, con il beneplacito di Irvine Welsh. Per essere onesti non c’era bisogno di andare a toccare un cult come Trainspotting, ma lo schiaffo di quel film ha lasciato le cinque dita sulla guancia della cinematografia britannica. Quell’opera respingente per contenuti, attraente per originalità, carica di angoscia e humour nero, è rimasta sottopelle per anni e, forse, il desiderio di molti di sapere come avrebbero potuto evolversi le vite di quei quattro sregolati poteva essere soddisfatto.

Trainspotting 2 arriva vent’anni dopo sempre con la regia di Danny Boyle e l’adattamento della sceneggiatura di John Hodge. I due sono perfettamente consapevoli di non poter riprodurre l’impatto culturale del primo film. Nel mondo, così come in Scozia, vige ancora il consumismo ma la società ha cambiato faccia dagli anni 90 ad oggi e gli autori scelgono l’unica strada possibile per continuare il racconto, quella che li porta direttamente ai personaggi e ai conti lasciati in sospeso. Renton, Sick Boy, Spud e Begbie sono nella quarantina inoltrata, ormai troppo in là per aggiornarsi a nuove forme di ribellione o anche soltanto credere ancora che ribellarsi faccia rima con soluzione anziché con illusione. Il fisico non regge più come prima e dove non sono arrivati l’eroina, il carcere o la loro stessa esuberanza, ci ha pensato la vita a schiacciarli in questo lasso di tempo.

Trainspotting terminava con Renton in fuga col malloppo di 16 mila sterline dopo aver fregato i suoi amici. Il sequel inizia con Renton di ritorno a Edimburgo per non essere riuscito a dare un senso alla propria vita. Alla sua vista Sick Boy gli si scaglia contro traboccante di rabbia, perché certe ruggini il tempo non solo non le cancella, le incrosta ancor di più. I due ex amici recuperano lentamente un rapporto pur basato su una reciproca diffidenza. Spud sta toccando il fondo per non risalire più, mentre Begbie esce di prigione e le mani gli prudono davvero tanto. La storia abbandona lo stato allucinogeno per schiantarsi nel realismo più brutale. Il monologo "scegli la vita" di Renton è aggiornato e suona più come un lamento che come un manifesto. Essere carogne prima era un vezzo arrogante, ora è sopravvivenza.

È incredibile quanto sembri che Ewan McGregor, Jonny Lee Miller, Ewen Bremner e Robert Carlyle non abbiano mai lasciato quei personaggi. Se visto immediatamente dopo il primo capitolo, il film produce un interessante coinvolgimento. Trainspotting si faceva soltanto guardare, con distacco e senza chiedere l’identificazione con i personaggi. Trainspotting 2 invece si fa sentire mettendo sul piatto nostalgia, rimpianto e rancori che chiunque oltre i quarant’anni può comprendere. Danny Boyle lega il sequel indissolubilmente al capostipite con veloci inserti di flashback che bene si integrano visivamente ed emotivamente, punta al cuore dei personaggi e del pubblico sapendo di trovare lì l’unico appiglio possibile per giustificare la storia. Vivere nel passato è un amaro anestetico, il che non è molto come unico spunto di riflessione, però è patetico il giusto per potercisi specchiare un paio d’ore.

www.comingsoon.it


Trailer



Orari degli spettacoli


Mercoledì 4 Ottobre 2017 Ore 20:30